Home > Articoli > Siti che rendono > Quanto può rendere un sito web?

Quanto rende un sito web?

Analizziamo la rendita dei siti di alcuni settori

Articolo di Gianfranco Viasetti del 29/06/2013

 

Realizzazione Siti Web - Home Page Viasetti          Le opinioni dei nostri clienti - Testimonianze
Realizzazione Siti Web - Menu studio Viasetti          Contatti - studio Viasetti - creazione e posizionamento siti web
Articoli sui siti ecommerce          Segui Studio Viasetti - creazione siti web - su Facebook

 

Quali sono i siti che rendono

Quanto rende un sito? La domanda che più spesso mi viene fatta dai potenziali clienti non è questa. E' un'altra. Mi chiedono quasi tutti quanto costa un sito, non quanto rende. Eppure quest'ultima dovrebbe essere la cosa più importante per chi sta pensando di creare un sito per promuovere la propria attività. Non è importante quanto costa un sito, ma quanto rende!

 

Siti che rendono, che producono contatti, clienti e guadagno

 

L'argomento relativo al costo di un sito lo abbiamo affrontato dettagliatamente nella pagina www.viasetti.it/prezzi.htm, pertanto non ne parleremo qui. Ciò di cui vogliamo parlare in questa pagina è il guadagno che un sito può procurare. Prenderemo in considerazione diverse tipologie di siti e i dati che forniremo saranno molto verosimili in quanto ricavati da ciò che sappiamo con ragionevole certezza delle centinaia di siti che abbiamo realizzato negli ultimi 13 anni. Ossia da ciò che i clienti ci dicono e ci scrivono.

1° esempio – sito di un B&B situato in una provincia di interesse turistico

Quanto rende il sito di un B&B?Quanto rende il sito di un B&B situato in una città, o nei pressi di una città, di piccole/medie dimensioni e di interesse turistico (Verona, Mantova, Pisa, Siena..)? Il sito di un B&B, se presente in prima pagina su Google (come nel caso del sito da noi realizzato – www.icostanti-verona.it), è in grado di riempire 8/10 camere per la maggior parte dei mesi dell'anno. In taluni casi anche nei mesi invernali (leggi la testimonianza della titolare del B&B I Costanti nella pagina Testimonianze).

 

In quanto tempo si ammortizza il costo del sito di un B&B creato da noi? Il tempo necessario dipende ovviamente dal numero di camere disponibili, dal costo delle stesse e dalla località. Possiamo ipotizzare che un B&B con 8/10 camere presente in prima pagina su Google (6°/7° posto) in una località come Verona o Mantova, ammortizza il sito in 2 o 3 mesi. Se le camere fossero due lo si ammortizza in 8/10 mesi. Dopo di che il sito non costa più nulla (a parte 150/200 euro all'anno per il provider e per piccoli aggiornamenti - prezzi, offerte speciali).

2° esempio – sito di un rivenditore/installatore di climatizzatori

Realizzazione siti climatizzatori - quanto rende?Quanto rende un sito di un installatore di climatizzatori operante in una provincia come Bologna, Modena, Padova, Brescia, Bergamo? Abbiamo rifatto due anni fa il sito ad una ditta in provincia di Bologna, che si occupa di vendita, manutenzione e installazione di climatizzatori di varie marche. Il sito lo si trova ai primi posti in Google cercando “climatizzatori Bologna”, "condizionatori Bologna" e diversi altri termini. Da notare che termini quali "condizionatori Bologna" e "climatizzatori Bologna" vengono cercati in Google mediamente da 350 utenti al mese, un numero non eccessivo, ma se il sito è ai primi posti ed ha molto testo, verrà trovato con decine e decine di altri termini, tali da assicurare, nei mesi più caldi, 40/50 visite al giorno. Un numero sufficiente a procurare una decina di nuovi clienti al mese.

In quanto tempo si ammortizza il sito di un installatore di climatizzatori? Dipende dalla zona in cui opera, ma possiamo dire che in una città come Bologna, Modena, Verona, Brescia o Bergamo lo si può ammortizzare in soli 4 o 5 mesi. Ovviamente parliamo sempre di un sito realizzato e posizionato da noi, non di un sito che nessuno trova.

3° esempio – sito di un investigatore privato

Siti investigatori privatiQuanto rende il sito di un investigatore privato? Abbiamo realizzato un paio di siti a investigatori privati di Brescia e di Livorno. Per quanto riguarda Livorno, essendo una città piccola, le persone che cercano in Google “investigatore privato Livorno” sono poche e pertanto il sito, anche se presente in prima pagina su Google, non può avere molte visite: può contare su un centinaio di visitatori al giorno. Per quanto riguarda Brescia invece il discorso è diverso. Ci sono 20/30 utenti che ogni giorno cercano in Google “investigatori Brescia”, o “agenzia investigazioni Brescia”. La metà di loro trova il sito da noi realizzato e ciò produce ottimi risultati per quanto riguarda l'acquisizione di nuovi clienti. L'investigatore in oggetto ci ha detto testualmente: “in 6 mesi il sito mi ha reso più di quanto mi avesse reso in 3 anni l'annuncio sulle Pagine Gialle, e mi è costato di meno”. Poi ha aggiunto: “da quando ho il sito la mia vita professionale è cambiata radicalmente, in meglio”.

In quanto tempo si ammortizza il sito di un investigatore privato che opera in una città come Brescia, Bergamo o Verona? Basta trovare 3 o 4 nuovi clienti per recuperare i costi. Termini quali “investigatore privato brescia”, “investigazioni private brescia”, “investigatori privati brescia” vengono cercati in Google da 500 utenti ogni mese. Un sito ai primi posti verrà visto da almeno la metà di tali utenti, ossia 250 al mese. Anche se solo il 2% diventa cliente basta un mese per ammortizzare il sito.

4° esempio – sito di un'agenzia immobiliare

Siti agenzie immobiliari - Quanto rendono?Quanto rende il sito web di un'agenzia immobiliare? La rendita di un sito di un'agenzia immobiliare è molto difficile da quantificare in quanto è strettamente legata alla zona in cui opera l'agenzia e non solo al posizionamento del sito in Google. Ad esempio il sito che abbiamo creato per un'agenzia immobiliare di Parma – www.mutticasa.it funziona molto bene e procura clienti. Non passa giorno senza che l'agenzia riceva almeno una telefonata, proveniente da chi ha trovato il sito, di richiesta informazioni sugli immobili pubblicizzati nel sito.

 

Un simile sito (sito statico di una dozzina di pagine) può contare su 70/80 visitatori al giorno. E' chiaro che il sito di un'agenzia che opera in una piccola località (ad esempio Castel Mella) potrà contare su un decimo di tali visite.

In quanti mesi si ammortizza il sito di un'agenzia immobiliare? Basta che l'agenzia venda un appartamento per recuperare ampiamente il costo del sito. Diciamo che si può ammortizzare in un mese nel caso di una agenzia in città e in 5/8 mesi nel caso l'agenzia operi in un piccolo paese. Ovviamente il tempo necessario dipenderà anche dalla quantità di immobili proposti e dal loro prezzo. Ricordiamo che un'agenzia immobiliare ha moltissimi competitor.

5° esempio – sito di una ditta che installa distributori di bevande

Siti distributori automatici bevande - quanto rendono?Quanto rende il sito web di un'azienda che installa distributori automatici di bevande? In questo caso il numero dei visitatori previsto dipende dalla località in cui opera l'azienda. Il sito che abbiamo realizzato per un'azienda che opere in provincia di Brescia sta dando buoni risultati nonostante la zona ristretta in cui opera, in quanto è ai primi posti in Google con i termini “distributori automatici bevande” e “distributori automatici bevande Brescia”. Ci sono 3.600 utenti che ogni mese cercano “distributori automatici bevande” e altri 6 o 7.000 che cercano termini similari, ma solo il 5% è di Brescia o provincia. Il sito dell’azienda che opera solo a Brescia può quindi contare su circa 500/600 visitatori potenziali al mese. Se operasse anche in altre province il numero dei potenziali clienti sarebbe di molto superiore. Gli utenti che trovano e visitano il sito sono almeno 1.800 al mese, ma i 2/3 di loro lo abbandona appena si rende conto che l’azienda non opera nella loro provincia. Chi opera su più province o un una città come Milano, Torino, Roma è sicuramente molto più avvantaggiato rispetto a chi opera solo in una provincia di medie o piccole dimensioni.

6° esempio – sito di una ditta che noleggia carrelli elevatori e piattaforme

Siti noleggio piattaforme aeree e carrelli elevatori - Quanto rendono?Quanto rende un sito che propone noleggio di piattaforme aeree? In questo caso il successo è assicurato. Il sito che abbiamo creato un paio di anni fa per un'azienda che noleggia piattaforme aeree e carrelli elevatori nelle province di Brescia e Bergamo procura mediamente un contratto al giorno. Il sito è in prima pagina su Google con “noleggio piattaforme” e “noleggio piattaforme aeree”. Vi sono 18.000 utenti che ogni mese cercano in Google “noleggio piattaforme”. Un sito posizionato al 5° o 6° posto verrà visto da almeno 3.000 utenti al mese. Circa il 10% (ossia 300) sono di Brescia o Bergamo. A questi vanno aggiunti 270 utenti che cercano ogni mese “noleggio piattaforme Brescia”. Il 5% di questi visitatori diventa cliente. La rendita di un simile sito è pertanto elevata. In un paio di mesi si ammortizza l'investimento del sito.

7° esempio - sito di un residence in una città come Lugano

Realizzazione siti residence - Quanto rende il sito web di un residence?Quanto rende il sito di un residence? Abbiamo realizzato un anno fa il sito ad un residence di Lugano. Una struttura con 38 camere. Il sito lo si trova ai primi posti sia su Google.it che su Google.ch con termini cercati da 5.400 utenti ogni mese. Quasi la metà visitano il sito. 2.500 visitatori qualificati al mese sono sufficienti per trovare i clienti che servono per riempire quasi sempre le 38 stanze.

In quanto tempo si ammortizza un simile sito? Immagino in un paio di mesi. Ovviamente stiamo sempre parlando di un sito realizzato da noi e posizionato in prima pagina su Google, cosa che non è stata semplice nel caso del residence di Lugano in quanto il termine “residence Lugano” ha oltre 3.000.000 di siti competitor.

8° esempio - sito chirurgo plastico di Brescia, Bari, Milano, Roma, Torino

realizzazione siti chirurghi estetici - Quanto rende il sito di un chirurgo?Quanto rende il sito di un chirurgo plastico in prima pagina su Google (5°/6° posto)? Anche nel caso del chirurgo plastico la rendita del sito dipende molto dalla località in cui opera il chirurgo, oltre ovviamente alla posizione del sito in Google. Ci sono differenze sostanziali tra città come Roma o Milano e Brescia, Bergamo, Bari, ecc.. 6.000 persone al mese cercano in Google "chirurgo plastico Roma" o "chirurgo estetico Roma", 4.000 cercano "chirurgo plastico (o estetico)" Milano, 1.200 cercano "chirurgo plastico (o estetico) Torino e 500 chirurgo plastico (o estetico) Brescia, Bergamo, o Bari.

E' pertanto chiaro che se un chirurgo plastico di Roma o di Milano ha il sito in prima pagina su Google avrà 10 volte più visitatori (e contatti) rispetto ad uno di Brescia, di Bergamo o di Bari, e 5 volte in più rispetto ad un collega di Torino.

C'è anche da dire che creare il sito ad un chirurgo plastico di Roma o di Milano, e crearlo in modo tale che abbia buone probabilità di finire in prima pagina su Google, richiede molte più risorse, tempo e competenze rispetto al sito di un collega di Brescia o Bari. Quindi il sito costerà il doppio o il triplo. Il termine "chirurgo plastico Roma" ha 172.000 siti competitor, "chirurgo plastico Brescia" ne ha 46.800.

Ma quanti visitatori aspettarsi da questi siti?

Nel caso di un chirurgo plastico/estetico di Brescia, Bergamo o Bari è ragionevole prevedere 70/80 visitatori al mese, nel caso del chirurgo di Milano o Roma possiamo aspettarci 700/900 visitatori al mese. Il numero dei contatti dipenderà da vari fattori: ci sono i prezzi sul sito? Se non ci sono è difficile che ci contattino. La prima visita è gratuita? Si può telefonare e parlare direttamente con il chirurgo? Le referenze sono buone? E così di seguito. Mediamente possiamo aspettarci un rapporto visitatori/contatti di 100:3, ma ripeto, dipende molto da ciò che abbiamo scritto sul sito e da come lo abbiamo scritto.

In quanto tempo si ammortizza il sito?

Nella maggior parte dei casi ad un chirurgo plastico basterà trovare un paio di nuovi pazienti per ammortizzare il costo del sito. E anche nella peggiore delle ipotesi, nel giro di qualche mese li troverà.

9° esempio - sito di un avvocato di Brescia, Milano, Roma o Napoli

Quanto rende il sito di un avvocato?Quanto rende il sito di un avvocato? Nel caso di un avvocato è difficile che il sito procuri nuovi clienti ogni mese, anche se ben posizionato. Il problema sta nel basso numero delle persone che cercano un avvocato in internet (eccetto per avere consigli gratuiti). Se hanno bisogno di un investigatore privato non chiedono agli amici se ne conoscono uno, lo cercano in Google (come abbiamo visto nell'esempio N. 3), se serve un avvocato chiedono ad amici, conoscenti e colleghi se ne conoscono uno bravo. Ci sono 500/600 persone al mese che cercano in Google esattamente la frase "avvocato Roma" o "avvocato Milano", solo 110 cercano "avvocato Brescia" e 170 "avvocato Napoli". Aggiungendo gli utenti che cercano "studio legale Milano", "studio legale Roma, "studio legale Brescia"... abbiamo circa il doppio delle ricerche. Sempre poche per produrre risultati soddisfacenti.

Ciò non significa che un avvocato o uno studio legale non debbano avere un sito web. Il sito, se ben fatto, è sempre utile come biglietto da visita da mostrare ai nostri clienti e da inserire nella corrispondenza. Significa solo che un avvocato non può aspettarsi grandi risultati da un sito; può capitare che gli porti qualche cliente nuovo, ma non succederà tutti i mesi. Diciamo che comunque nel giro di un anno dovrebbe ammortizzare il costo del sito.

Ci sono molti avvocati che hanno pensato di risolvere il problema delle poche ricerche localizzate geograficamente proponendo consulenza legale online in tutta Italia. Ma se è vero che ci sono ricerche più numerose di termini come "consulenza legale online" o "avvocato online" rispetto ai termini localizzati in una determinata provincia, è altrettanto vero che la concorrenza è molto più elevata e quindi risulta difficile rendere visibile il sito. Non solo, dobbiamo considerare che la stragrande maggioranza di chi cerca "consulenza legale online" o termini similari sta cercando consulenza gratuita.

10° esempio - sito di un installatore di caldaie di Bologna

Quanto rende il sito di un commercialista? Realizzazione siti dottori commercialistiQuanto rende il sito web di un artigiano che si occupa di installazione di caldaie? Se l'artigiano opera in una provincia di medie/grandi dimensioni il rendimento del sito è notevole. Sappiamo che il sito che abbiamo realizzato per un installatore di caldaie sta dando risultati, a detta del cliente, eccezionali.

In 4 mesi, grazie al sito, ha avuto oltre 200 contatti, da cui sono scaturite 72 trattative che si sono concluse con più di 20 caldaie vendute.

11° esempio - sito di un consulente del lavoro di Brescia, Milano o Cagliari

Realizzazione siti Consulenti del Lavoro. Quanto rende il sito di un consulente del lavoro?Quanto rende il sito di un consulente del lavoro? Nel caso di un consulente del lavoro la situazione è pressoché uguale a quella del commercialista. I risultati, in termini di reddito prodotto dal sito dipenderanno molto (oltre che dal posizionamento) dalla località in cui si opera. Un consulente del lavoro di Milano o Roma in prima pagina verrà visto da molti più utenti rispetto ad uno di Brescia o di Bergano. Sappiamo che i siti che abbiamo realizzato per alcuni consulenti del lavoro di Brescia hanno procurato clienti e li stanno tuttora procurando ma, come nel caso dei commercialisti, non si tratta di grandi numeri. Indipendentemente dal numero dei clienti che può procurare, riteniamo che un consulente del lavoro dovrebbe avere un proprio sito. E' utile per rafforzare l'immagine presso i clienti acquisiti, non solo per trovarne di nuovi. Anche il consulente del lavoro, come il commercialista e l'avvocato, è probabile che nel giro di un anno ammortizzi il costo del sito.

12° esempio - sito di un falegname

Realizzazione siti per falegnami e altri artigiani - Quanto rende il sito di un falegname?Quanto rende il sito di un falegname? I siti degli artigiani normalmente rendono bene in quanto hanno pochi competitor e le ricerche che vengono effettuate mensilmente in Google da chi sta cercando un falegname, un idraulico, un muratore o un elettricista sono sufficienti a produrre contatti qualificati e procurare nuovi clienti tutti i mesi. Ad esempio il sito che abbiamo realizzato 3 anni fa ad un falegname di Firenze funziona molto bene, ha 40/50 visitatori al giorno e procura lavoro e reddito all'artigiano. Vedi la sua testimonianza alla pagina delle testimonianze. Il sito di un falegname operante in una città come Brescia, Verona, Firenze lo si ammortizza in meno di un anno. Per un falegname di Milano o Roma possono bastare un paio di mesi. Ovviamente, come in tutti gli esempi riportati in questa pagina, ci riferiamo a siti realizzati da noi e posizionati ai primi posti in Google. Se il sito fosse in decima pagina non basterebbe una vita per ammortizzarne il costo.

13° esempio - sito di ristrutturazioni edilizie/ristrutturazione bagni

Realizzazione siti ristrutturazioni edili e bagni - Quanto rendono?Quanto rende il sito di un'azienda che si occupa di ristrutturazioni edili e ristrutturazione bagni in province come Brescia, Bergamo, Milano, Varese, Como, Lugano? Rende parecchio. Un sito da noi realizzato in questo settore (www.ristrutturazioni-varese.it), in prima pagina su Google con decine di keyword, tra cui: ristrutturazioni Lugano, ristrutturazioni Varese, ristrutturazioni edili Como, ristrutturazione bagno Varese, ristrutturazione bagno Lugano e diverse altre, sta avendo ottimi risultati. Viene visto da una cinquantina di utenti ogni giorno e consente al proprietario di effettuare diversi lavori di ristrutturazione, sia nel nord Italia che in Svizzera. In quanto tempo si ammortizza un sito simile? Penso in meno di 3 mesi.

14° esempio - sito di vendita e installazione infissi e serramenti

Creazione siti infissi e serramenti - Quanto rendono?Quanto rende un sito che propone vendita, installazione di infissi e serramenti in legno, PVC o alluminio e che opera in una provincia come Trento, Brescia, Modena o Bologna? Abbiamo la risposta anche in questo caso. Il sito che abbiamo creato per un'azienda di Bologna che vende infissi e serramenti ha 40/50 visitatori al giorno. Il sito, come il 97% dei siti da noi realizzati, è in prima pagina su Google con diversi termini attinenti l'attività del cliente, tra cui "infissi Bologna" (primo o secondo posto). Il cliente, grazie al sito e al suo posizionamento, ha già avuto in pochi mesi diversi contatti e trovato nuovi clienti. Lo stesso vale per un'azienda in provincia di Trento (www.teamlegnoserramenti.it). Anche questo sito è ai primi posti in Google (cercando "infissi Trento" e diversi altri termini) ed ha 70/80 visitatori al giorno. Siti con queste caratteristiche si possono ammortizzare in pochi mesi.

15° esempio - sito e-commerce di cellulari, scarpe, vini, computer

quanto rende un sito e-commerce di cellulari, vini, scarpe, computer?Quanto rende un sito e-commerce per la vendita online di telefonini, computer, vini, scarpe, abbigliamento e chi più ne ha più ne metta?

La risposta è semplice: nel 99% dei casi non rende nulla. Riceviamo mediamente 30 richieste al mese di preventivi per la creazione di siti e-commerce per la vendita online di oggetti più disparati: telefonini iPhone, iPad, Samsung, vini, alimentari, scarpe, magliette e altri capi di abbigliamento, computer, accessori per PC, mouse, stampanti, collane fatte a mano, quadri, fotografie, schede grafiche, ecc.. e regolarmente rispondiamo: ma lei lo sa vero che il sito non lo troverà nessuno e che non avrà ne visitatori, ne contatti? - Perché? - ci chiedono. La prima risposta che mi viene in mente è: perché se cerca in Google "iPhone 4" trova 800 milioni di siti e tutti avrebbero voluto essere in prima pagina, ma c'è posto solo per 10. Mi rendo conto che si tratta di una risposta banale e per questo motivo ho scritto un articolo molto dettagliato sui motivi per cui il 99% dei siti e-commerce è un FLOP. Lo trovate qui.

Probabilmente è colpa della crisi economica che rende difficile trovare lavoro se tantissime persone si mettono in testa di risolvere i loro problemi con un sito e-commerce da pochi soldi, ma anche di molti miei colleghi che pur di fare un sito in più procurano false aspettative ai clienti. Ogni settimana ricevo 2/3 email da parte di qualcuno che ci è cascato: in 3 mesi ho venduto un cellulare - mi ha detto recentemente una signora - e la gestione del sito continua a costarmi, non ce la faccio più! Di email di questo genere ne ho ricevute centinaia.

Pochi minuti fa ho ricevuto l'ennesima richiesta di preventivo per un sito di vendita online di telefonini: budget: 250 euro, note: buon giorno siccome mi sto inoltrando nella vendita online mi serve un sito per vendere telefonini e altro volevo sapere la spesa per realizzarlo e la spesa per mantenerlo grazie. Ho risposto di lasciar perdere, ma sono certo che qualche mio collega non si lascerà sfuggire l'occasione di guadagnare facilmente qualche centinaia di euro. In fondo le piattaforme e-commerce si trovano anche gratis.

 

Questo articolo è stato ritenuto interessante da molti utenti e anche da uno dei più noti parassiti del web, un webmaster seo che, al pari di altre decine di articoli presenti sul nostro sito, lo ha copiato e pubblicato sul suo sito spacciando i casi dei nostri clienti come suoi. Ha cambiato solo qualche parola ed i nomi delle località citate per adattarle alla zona in cui opera. Ecco la "fotografia" di una parte della sua pagina:

Il parassita di Taranto

 

Ma rende copiare articoli e case history dei colleghi spacciandoli per propri? Guardando i siti realizzati da questo "signore" che si autodefinisce "uno dei più noti SEO italiani" si direbbe proprio di no. Andateli a vedere, vi divertirete. Nell'immagine qui sotto vi propongo uno dei migliori:-) Non guardate solo le immagini, leggete i testi.

   

un templace spacciato come sito realizzato

   

 

©2016 Studio Viasetti | Realizzazione siti web | Posizionamento siti

zona operativa: milano - brescia - bergamo - verona - vicenza - padova - treviso - venezia - varese - torino - modena - bologna - parma - firenze