Home Page > Articoli > Grafici e siti web

I grafici e i siti web

Perché i siti dei grafici non funzionano?

Realizzazione Siti Web - Home Page Viasetti         Le opinioni dei nostri clienti - Testimonianze
Realizzazione Siti Web - Menu studio Viasetti         Contatti - studio Viasetti - creazione e posizionamento siti web

 

Quasi tutti i grafici pubblicitari che si sono messi a creare siti web hanno fallito.

Mi rendo conto che scrivendo questo articolo verrò odiato dai grafici di mezza Italia. Tengo quindi a precisare subito che non ho nulla contro i grafici. Mi rivolgo personalmente a loro quando ho bisogno di creare un logo o biglietti da visita, e in questi casi lascio ai grafici la più ampia libertà creativa. Stesso discorso quando un cliente, dopo averci affidato l'incarico di realizzare un sito, ci chiede di creargli anche il logo. Rispondo sempre che noi non sappiamo creare un logo, che non è il nostro lavoro, e gli consiglio di rivolgersi ad un bravo grafico.

In questo articolo parlo dei grafici che sono convinti di sapere come si realizzano i sito web solo per il fatto di essere grafici. Lo stesso discorso comunque vale anche per gli ingegneri informatici convinti di saper realizzare siti perché sono "ingegneri informatici" (vedi articolo sui nipoti e ingegneri).

Dopo questa doverosa premessa veniamo all'argomento vero e proprio di questo articolo.

Ma perché per i grafici è difficile realizzare un sito di successo?

Primo perché i grafici sono abituati a creare depliant, brochure, carta intestata, loghi, biglietti da visita, cataloghi, ecc.. In queste realizzazioni ci mettono tutta la loro esperienza, fantasia e creatività con l'obiettivo di realizzare qualcosa di originale. E di solito ci riescono. Purtroppo l'originalità quando si tratta di realizzare siti web non va quasi mai bene. E non va bene per i motori ne per gli utenti.

Non va bene per i motori perché i loro algoritmi tendono a premiare i siti programmati con un codice il più lineare possibile. I motori di ricerca riescono a seguire meglio i link testuali (leggi a proposito la guida di Google per i webmaster). I grafici difficilmente creano un menu di navigazione usando link testuali, lo giudicano troppo banale.

Un grafico deve essere originale e quindi creerà del pulsanti colorati, dei menu a tendina, o magari dei pulsanti animati che entrano dai lati del video per fermarsi in centro, dopo aver danzato per 30 secondi al suono di una dolce melodia. E sarà orgoglioso di mostrare la sua "creatura" al cliente, il quale sarà a sua volta orgoglioso di avere un sito davvero originale e diverso da tutti gli altri.

Il problema è che per creare simili effetti bisogna riempire le pagine di codice javascript o ricorrere a filmati in Flash. Tutte cose che i motori non amano, come più volte hanno scritto nelle loro guide. I grafici di cui stiamo parlando però non si curano dei consigli di Google e snobbano i pareri degli esperti in web usability e in SEO. Per loro è importante esprimere la loro originalità e sentirsi dire dal loro cliente che hanno fatto davvero un bel sito.  Un sito che però non avrà visitatori perché nessuno lo troverà nei motori.

Da quando detto finora qualcuno potrebbe pensare che per creare un sito che piace ai motori bisogna fare un sito che non piace ai visitatori. Non è così. E' vero il contrario. I motori hanno tutto l'interesse a soddisfare i loro utenti. E' così che riescono a vendere spazi pubblicitari.

Alcuni anni fa i grafici che si occupavano del sito LIBERO.IT ebbero un'idea originalissima: cambiarono la disposizione dei pulsanti di navigazione, li disposero in cerchio, o meglio "a uovo". Era un modo per distinguersi da tutti i concorrenti. I visitatori si trovarono però subito a disagio essendo abituati a menu disposti diversamente e inviarono centinaia di email di protesta a libero. Nel giro di poco tempo il noto provider corse ai ripari ripristinando il vecchio e tradizionale menu. Morale: l'originalità non paga.

Gerry McGovern in un articolo scritto il 19/09/2010 dice che abbiamo solo 7 secondi per convincere il visitatore a rimanere sul nostro sito:

"Separate research from Microsoft and Google shows that it only takes a quarter of a second delay in page loading time for customer frustration to build. Microsoft found that a 2 second delay resulted in a 4 percent loss in revenue. MarketingExperiments research has found that there is a vital 7 seconds a page has to convince a customer to stay. You build brand loyalty on the Web by helping customers complete their tasks as quickly as possible".

Gli utenti quando vanno su un sito non vogliono pensare a dove cliccare per trovare una certa pagina o a dove sarà il numero di telefono o l'email. Si aspettano ad esempio che un collegamento ipertestuale sia in blu e sottolineato, o comunque ben evidenziato rispetto al resto. Costa molta fatica accontentarli? Guardate i collegamenti presenti nella home page di Google. Si vede lontano un miglio che questa pagina non è stata progettata da un grafico ma da uno dei maggiori esperti mondiali di web usability. In un sito  web è l'usabilità (assieme alle informazioni fornite) che ne determina il successo, non l'originalità. Un sito web non è un depliant e nemmeno uno spot televisivo.

Ovviamente esistono anche dei grafici che sono pienamente consapevoli che il loro lavoro non è creare siti. Nel corso degli anni abbiamo ricevuto diverse email da parte di grafici che si complimentano per la nostra "filosofia progettuale". Riporto integralmente l'ultima (ricevuta il 12 Febbraio 2009). Tralascio solo, per ragioni di privacy, il nome della persona e dell'azienda per cui lavora.

 

Gentile Sig. Viasetti,

sono l'addetto marketing di un'azienda che lavora nella produzione, nella vendita e nell'assistenza di macchine alimentari.

Era da un pò di tempo che volevamo ampliare il nostro business entrando nel settore della vendita on-line, e come tutti gli inesperti ci tuffammo in questo mondo con troppa enfasi, acquistando il dominio ed un software già bello e pronto da gestire comodamente in ufficio. Navigando nella rete, la necessità di ulteriori approfondimenti mi ha spinto a pormi dei quesiti basilari per il web-marketing:

  • Sarò visibile?
  • Chi sono i miei competitor?
  • Come pianificare una strategia di email marketing?
  • Come risultare ai primi posti delle ricerche?

Trovai un articolo che parlava dei 12 segreti del successo nella realizzazione dei siti internet. Le dico la verità, fui molto affascinato dal suo scrivere, ma nello stesso tempo un pò stupito del suo egocentrismo. Continuai con una punta di snobbismo (sono un grafico), ma pian piano mi resi conto dell'effettivo valore delle sue parole e dei suoi consigli, si delineava nei suoi articoli, la passione, l'esperienza, e la necessità di avere risultati che lei proponeva a noi futuri investitori. 

Stampai tutto per una lettura casalinga ed eccomi qua. 

Ora, avendo ormai acquistato questo software, avrei bisogno una volta terminato il sito di una sua consulenza. Il successo della mia azienda nel web dipende dai fattori da lei sottolineati, e la nostra azienda non può che partire con l'intrinseca convinzione di un futuro successo! In attesa di una sua risposta e di una quantificazione dei costi (aimè si deve pur parlar di soldi), le invio i dati necessari per contattarmi.

Distinti saluti.

 

Per saperne di più sul posizionamento dei siti vedi anche:

 

©2016 Studio Viasetti | Realizzazione siti web | Posizionamento siti

zona operativa: milano - brescia - bergamo - verona - vicenza - padova - treviso - venezia - varese - torino - modena - bologna - parma - firenze - torino - livorno - pisa - napoli - roma - catania - lugano

realizzazione siti web studio viasetti: brescia - milano