Home Page > Web Agency di Milano e altre aziende leader del settore

Web Agency Milano, Modena, Firenze

Le Web Agency leader sono quelle che fanno più fatturato?

Realizzazione Siti Web - Home Page Viasetti          Realizzazione Siti Web - Menu studio Viasetti
Testimonianze Clienti Viasetti - creazione siti web          Contatti - studio Viasetti - creazione e posizionamento siti web

 

Lo studio Viasetti è una Web Agency leader nel settore della realizzazione di siti web? Assolutamente no!

O almeno, non lo è nel significato che si da generalmente al termine “leader”.

Una settimana fa un cliente a cui ho telefonato per sollecitare il saldo della fattura e che nel corso di un mese avevo già sollecitato 3 volte tramite email senza mai ricevere risposta, mi ha risposto alzando la voce: lei stia tranquillo che domani riceverà i suoi soldi fino all'ultimo centesimo, non vedo l'ora di farle il bonifico per dimostrarle che io sono una CER-TEZ-ZA!! Ha capito?

Pensate che abbia pagato? Ovviamente no.

Pensate che continuerò a lavorare per migliorare ulteriormente il già ottimo posizionamento del sito di questo cliente (che si trova già al 5° posto in Google)? Ovviamente non lo farò. Anzi!:-))

STIAMO ALLA LARGA DI CHI DA CERTEZZE!

Se essere leader nel nostro settore significa essere “grandi”, essere una SPA, fatturare almeno 10 milioni di euro all’anno, avere più di 100 dipendenti, decine di agenti di vendita (quelli che si fanno chiamare “consulenti”) che fanno il “porta a porta” per convincere le aziende ed i professionisti a firmare un contratto per la creazione o il posizionamento “ai primi posti” del sito web, avere un call center con 50 operatrici che chiamano tutte le aziende con l’intento di fissare un appuntamento con un loro “consulente” che casualmente la settimana prossima si trova nella nostra zona, avere 10.000 clienti... Se essere leader nel nostro settore significa tutto questo, no, decisamente non siamo leader!

Un’azienda leader nel proprio settore non è necessariamente quella che fornisce il servizio migliore (o i prodotti migliori) ai propri utenti. Di leader nefasti ne conosciamo tanti, la storia insegna, non è necessario fare nomi.

L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta dopo aver letto l’email che mi ha inviato il cliente di una web agency di Milano che si proclama leader nel suo settore.

“Quando 2 anni fa decisi di buttarmi nell’e-commerce, non ho voluto improvvisare e nemmeno badare a spese” – mi ha scritto – “Mi sono messo pertanto nelle mani di una grande Web Agency di Milano, una delle più blasonate web agency italiane. Risultato: mi hanno dissanguato economicamente. Si sono preoccupati solo di prendere i miei soldi, del mio sito non si sono mai preoccupati. In 2 anni zero contatti e zero vendite! Le uniche email che ricevo sono quelle con le fatture della Web Agency”

L’email di questo utente, assieme a quelle di tanti altri che si sono affidati a Web Agency piccole o grandi, di Milano o di Firenze, di Modena o di Roma, potete trovarla alla pagina Commenti di chi ha un sito e-commerce.

"Eppure hanno un sacco di clienti, alcuni pure famosi",, mi ha scritto lo sfortunato utente.

Non è difficile trovare molti clienti quando hai 100 venditori che guadagnano solo se fanno firmare contratti. Anche Enel Energia (e aziende similari) ha molti clienti, ma andiamo a leggere su vari forum cosa hanno detto i "consulenti" per far firmare il contratto ad alcuni di loro.

Non è il numero dei clienti che conta, specialmente nel settore del posizionamento siti nei motori, ma la percentuale dei clienti soddisfatti dei risultati ottenuti. E non basta leggere sul sito “abbiamo il 100% dei clienti soddisfatti!” Sappiamo tutti che non è mai così. Qualche cliente insoddisfatto lo abbiamo tutti. Che abbia motivi o meno per esserlo è un altro discorso.

E nemmeno basta leggere sul sito delle Web Agency le testimonianze positive dei clienti. Se ho 5.000 clienti è ovvio che ne abbia almeno 5 contenti, sempre ammesso che le testimonianze che leggiamo siano autentiche.

Noi non siamo leader per il fatturato, ne per il numero dei dipendenti, e nemmeno per il numero dei clienti (ne abbiamo poco più di 500), ma sicuramente lo siamo per la percentuale dei clienti soddisfatti e disposti a "metterci la faccia" per raccontare a tutti le loro esperienze.

Abbiamo diversi primati invidiabili e inconfutabili. In questo non siamo secondi a nessuna Web Agency.

Vediamone qualcuno:

Siamo i soli ad avere in prima pagina su Google ben quattro siti di consulenti del lavoro (keyword: consulenti del lavoro Brescia). In altre parole siamo i soli ad avere in prima pagina 4 clienti con la stessa keyword. Non solo: TUTTI i siti che abbiamo creato a consulenti del lavoro, di qualsiasi città, sono in prima pagina.

Siamo i soli ad avere un cliente in prima pagina con TUTTE le seguenti keyword:

• tende da sole brescia
• tende brescia
• zanzariere brescia
• veneziane brescia
• pergolati brescia
• pergole brescia

 

Siamo i soli ad avere in prima pagina un sito con tutti i seguenti termini:

• pensiline brescia
• casette in legno brescia
• case in legno brescia
• pergole brescia
• pergolati brescia
• casette per giardino brescia
• box in legno brescia
• gazebo brescia

Siamo i soli ad avere in prima pagina un sito con tutti i seguenti termini:

• climatizzatori bologna
• condizionatori bologna
• climatizzatori daikin bologna
• climatizzatori mitsubishi bologna
• climatizzatori lg bologna
• climatizzatori hitachi bologna
• condizionatori daikin bologna
• condizionatori mitsubishi bologna
• condizionatori lg bologna
• condizionatori hitachi bologna
• assistenza condizionatori bologna
• assistenza climatizzatori bologna
• Installazione condizionatori bologna
• installazione climatizzatori bologna
• manutenzione climatizzatori bologna
• manutenzione condizionatori bologna
• manutenzione climatizzatori daikin bologna
• manutenzione climatizzatori mitsubishi bologna
• e un altra decina di keyword

Stiamo parlando solo di Bologna, è vero, ma nessun altro è riuscito a posizionare in prima pagina su Google un sito con tutti questi termini, e nemmeno con la metà, in qualsiasi città.

Siamo i soli ad avere il 97% dei siti realizzati in prima pagina su Google con almeno un termine significativo e utile per veicolare potenziali clienti sul sito.

Siamo i soli a consigliare al 90% dei clienti che ci chiedono un preventivo, di rinunciare al sito che vorrebbero fare in quanto non otterrebbero risultati. I soli a rinunciare al 90% dei potenziali clienti, con una grossa perdita di potenziale guadagno, con l’unico scopo di tutelare i loro investimenti.

Siamo gli unici ad avere decine di testimonianze entusiaste da parte dei clienti, tutte verificabili.

Siamo gli unici a non farci dettare dal cliente come dovrebbe essere il suo sito. "Diteci i vostri obiettivi, non come dobbiamo fare il sito. Questo è il nostro lavoro." Non creaimo siti come piacciono al cliente o a noi, ma come li vuole la maggioranza dei visitatori.

Siamo gli unici a creare esclusivamente siti statici (strano vero?)

Puoi vendere qualsiasi cosa se riesci a renderla unica

Quando, nel Luglio del 1974, mi trovavo al centro addestramento della Xerox di Salsomaggiore, per un corso full immersion di un mese riservato ai nuovi assunti dell'area commerciale, tra le tante nozioni che appresi ce n'era una che non scorderò mai:

ricordatevi sempre, ci disse il formatore, che possiamo vendere qualsiasi prodotto o servizio se riusciamo a renderlo unico.

Questa frase è, ormai da quasi 40 anni, il leitmotiv che mi segue qualsiasi cosa faccia.

La Xerox era indubbiamente maestra indiscussa nella capacità di rendere unici i prodotti che vendeva. Alcuni erano veramente unici, altri no, ma i clienti li percepivano come tali. Il marketing della Xerox era molto aggressivo.  Mentre il marketing tradizionale consiste principalmente nel dare ai clienti esattamente ciò che desiderano, la Xerox anticipava i desideri dei clienti. Creava bisogni che non esistevano e poi li soddisfava. Ad esempio, per un certo periodo, era l'unica azienda a non avere una copiatrice adatta per i notai, i quali volevano apparecchiature in grado di copiare il formato A3 (uso bollo aperto) in fronte/retro. Aveva però una copiatrice molto veloce che faceva il fronte/retro automatico (La Xerox 4000). Ma questa copiatrice era in grado di riprodurre solo sul formato A4. Nessun problema, decise che ai notai avrebbe noleggiato tale macchina perché l'A3 non l'aveva. Creò delle apposite figure commerciali (industry marketing notai) e le addestrò talmente bene ad illustrare gli altri vantaggi di questa apparecchiatura che riuscirono in un impresa ritenuta impossibile dalla concorrenza: fornire ai notai una costosa copiatrice che non copiava sul formato A3.

 

Gianfranco Viasetti - Luglio 2013

 

©2016 Studio Viasetti | Realizzazione siti web | Posizionamento siti

zona operativa: milano - brescia - bergamo - verona - vicenza - padova - treviso - venezia - varese - torino - modena - bologna - parma - firenze - lugano

 

 

Torna a inizio pagina